EDUCAWEB: spazio virtuale di incontro sociosanitario ed educativo

venerdì 18 agosto 2017

Home arrow Tutti i contenuti arrow La dissociazione
venerdì 18 agosto 2017
Home
Notizie
LINKS
Mappa del sito
Tutti i contenuti
Cerca
Licenza Joomla
Psichiatria
Educativo
Guest Book
Download Files
Calendario e Appuntamenti
Libri e pubblicazioni
Meteo
NEWS Salute
Disclaimer medico




by Zippy
Advertising - Pubblicità
La dissociazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   

(Tratto da: Umberto Galimberti, DIZIONARIO DI PSICOLOGIA, Utet, Torino, 1992)

Si consiglia l'acquisto di questo libro Laughing

 
UTET - Dizionario di Psicologia FENOMENOLOGIA DELLA DISSOCIAZIONE. -Sul tema della continuità insiste anche R. D. Laing per il quale la dissociazione non è altro che un'accentuazione dell'insicurezza ontologica (v. INSICUREZZA) comune a tutti gli uomini per cui «anche in circostanze di vita ordinarie, un individuo può sentirsi più irreale che reale, letteralmente più morto che vivo, differenziato in modo incerto e precario dal resto del mondo, cosi che la sua identità e la sua autonomia sono sempre in questione. Può mancargli la sensazione della continuità temporale; può fargli difetto il senso della propria coerenza o coesione personale. Si può sentire come impalpabile, e incapace di ritenere genuina, buona e di valore la stoffa di cui è fatto. Può sentire il suo lo parzialmente disgiunto dal suo corpo» (1959, p. 50). In ambito fenomenologico si è soliti distinguere una dissociazione isterica da una dissociazione schizofrenica, perché l'isterico si scinde a livello molare, mentre lo schizofrenico a livello molecolare.

a) La dissociazione isterica, che dà come risultato quella che A. Binet e Th. Flournoy chiamano doppia personalità e K. Jaspers coscienza alternante, è una condizione, scrive Jaspers, dove «la vita psichica di- staccata si presenta con uno sviluppo cosi ricco che si crede di avere a che fare con un'altra personalità; però, una volta passato questo stato, la personalità normale non ne conserva alcun ricordo» (1913-1959, p. 436). In termini più esplicativi, la dissociazione isterica viene descritta da G. Jervis nel modo seguente: «Il soggetto isterico dissocia dalla propria persona ciò che egli stesso produce: invece di affer- mare "io faccio questo", è come se egli dicesse "questo mi accade". Il sintomo isterico viene presentato come un guasto o un blocco accidentale nel fun- zionamento del corpo, di cui il soggetto si proclama assolutamente irresponsabile. Nel caso di una para- lisi isterica a un braccio, ad esempio, il disturbo viene vissuto come distante da ogni controllo (esso è là nel braccio); nel caso di una convulsione o di una pseudoperdita di coscienza., l'isterico afferma "non ho saputo più niente", nel caso di un comporta- mento più complesso (come una crisi di rabbia clamorosa, o di aggressività), l'isterico afferma "non ho voluto, non ero io, non ricordo nulla, qualcosa agiva in me". In altre parole, il soggetto si scinde fra personaggio sociale e organismo "malato", e attribuisce al proprio organismo ciò che sottrae al personaggio sociale» (1975, p. 276).

b) La dissociazione schizofrenica è invece de- scritta da Laing come «una frattura che divide l'Io dal corpo. Questa scissione spacca in due l'essere dell'individuo in modo che il senso dell'Io si fa in- corporeo, mentre il corpo diventa il centro di un sistema del falso lo. Questa frattura primaria coesiste con la successiva frattura Io/corpo/mondo, dove il corpo viene ad occupare una posizione particolar- mente ambigua, [...] dove è gettato il seme di una persistente fusione o confusione nel punto di incontro fra qui e là, fra il dentro e il fuori, giacché il corpo non viene sentito con sicurezza come "me" in contrasto con "non me"» (1959, p. 197).

CLASSIFICAZIONE DEI DISTURBI DISSOCIATIVI. -Il DSM-III-R riconosce come disturbi dissociativi: 1. La personalità multipla, nota anche come sdoppiamento della personalità (v. ), caratterizzata da «l'esistenza all'interno della persona di due o più personalità distinte o stati di personalità (ciascuna con proprie modalità relativamente costanti nel percepire, nel rapportarsi, e nel giudicare l'ambiente e se stesso). Almeno due delle personalità o degli stati di personalità in modo ricorrente assumono il pie- no controllo del comportamento del soggetto» (100.14).

 Sdoppiamento della personalità (ingl. Dual personality; ted. Doppelte Personlichkeit; fr. Dédoublement de la personnalité). Disturbo dissociativo dovuto, secondo K. Jaspers, al fatto che «due serie di processi psichici si sviluppano contemporanea- mente l'una accanto all'altra, per cui si può parlare di due personalità, le quali vivono entrambe in maniera singolare, in modo che esistono da entrambe le parti rapporti di sentimenti che non si fondono con quelli dell'altro lato, ma rimangono estranei l'uno all'altro» (1913-1959, p. 135). Oggi lo sdoppiamento della personalità è rubricato tra le figure della personalità multipla

 
BIBLIOGRAFIA.

JANEf P., La torce et la taiblesse psychologique, Maloine, Paris, 1930.

JASPERS K., Psicopatologia generale (1913-1959), n Pen- siero Scientifico, Roma, 1964.

 
II. PSICOANALISI:
LA SCISSIONE. In questo ambito si parla di scissione (Spaltung) in riferimento: a) all'apparato psichico (v.), separato in sistemi (inconscio, preconscio, conscio) e in istanze (Es, lo e Super-io); b) alla coscienza con le espressioni «scissione di coscienza», «scissione del contenuto di coscienza», «scissione psichica»; c) all' lo dove entra in azione il meccanismo del diniego evi- dente nelle psicosi e nel feticismo; d) all'oggetto se- parato in «buono» e «cattivo».

1. SCISSIONE DELLA COSCIENZA (Bewusstseinspal- tung). -È la forma tipica della dissociazione isterica, caratterizzata, secondo Freud, dalla coesistenza di due personalità che possono ignorarsi reciprocamente: «Che il complesso di sintomi dell'isteria, o almeno quanto di esso possiamo per ora comprendere, giustifichi l'ipotesi di una scissione

della coscienza con conseguente formazione di gruppi psichici separati, è un dato che, dopo gli eccellenti lavori di Pierre Janet, Josef Breuer e altri, dovrebbe avere ormai ottenuto il generale con- senso». A differenza di Janet, Freud tiene a precisare che «la scissione della coscienza non può assolutamente essere considerata primaria [...]. Mi è più volte riuscito di dimostrare che la scissione del co tenuto di coscienza è conseguenza di un atto di volontà del malato, e che cioè essa è indotta da uno sforzo di volontà la cui motivazione è comunque individuabile» (1894, p. 121-122). Prende avvio da qui la nozione freudiana di inconscio come separato dalla coscienza per effetto della rimozione (v.).

2. SCISSIONE DELL'Io (ICHSPALTUNG). -Con questa espressione Freud si riferisce a un processo per cui in seno all'Io si costituiscono due atteggiamenti psichici di cui l'uno tiene conto della realtà, l'altro la nega sostituendola con il contenuto di un desiderio. In azione è il meccanismo specifico del diniego (v.) il cui prototipo è il diniego della castrazione. Il diniego, a parere di Freud, consente di spiegare i tratti tipici della psicosi e del feticismo: «Il problema della psicosi sarebbe semplice e facilmente penetrabile se il distacco dell'Io dalla realtà potesse essere davvero attuato completamente. Ma sembra che ciò accada assai di rado, se non forse mai». Ne consegue, secondo Freud, che possiamo supporre «una scissione psichica in tutti quei casi in cui si sono formate due impostazioni psichiche anziché una sola, una, quella normale, che tiene conto della realtà e l'altra, che sotto l'influsso pulsionale, stacca l'Io dalla realtà. Sussistono ambedue, una accanto all'altra. L'esito dipende dalla loro forza relativa. Se l'ultima è o diventa più forte della prima, la condizione della psicosi è data. [...] Il punto di vista che postula in tutte le psicosi una scissione dell'Io non meriterebbe tanta attenzione se non si rivelasse pertinente anche per altri stati che assomigliano piuttosto alle nevrosi, e in definitiva per le nevrosi stesse. [...] Questa ano- malia, che può essere annoverata tra le perversioni, si fonda com'è noto sul fatto che il paziente, il quale è quasi sempre un maschio, non riconosce l'assenza del pene nella donna, non riconosce cioè qualcosa di altamente indesiderabile per lui in quanto prova della possibilità della sua stessa evirazione. Egli rinnega perciò la propria percezione sensoriale che gli ha mostrato come il genitale femminile manchi del pene e si attiene fermamente alla convinzione opposta. La percezione rinnegata non è rimasta però totalmente priva di conseguenze, giacché dopo tutto egli non ha il coraggio di affermare di aver davvero visto un pene. In compenso si aggrappa a qualcos'altro, parte del corpo o oggetto, ad esso ascrivendo il ruolo di pene di cui non vuole ammettere la mancanza» (1938 b, p. 628-629). La scissione dell'Io è stata riconsiderata da J. Lacan e ipotizzata come condizione del «generarsi» dell'Io stesso (v. LACANlANA, TEORIA, § 7).

3. SCISSIONE DELL'OGGETTO (OBJEKTSPALTUNG). - È un meccanismo ipotizzato da M. Klein come la forma più primitiva di difesa contro l'angoscia. L'oggetto, verso cui si dirigono le pulsioni erotiche e di- struttive, è scisso in oggetto «buono» e «cattivo» con ripercussioni nella dinamica delle introiezioni e delle proiezioni (v. KLEINIANA, TEORIA, § 1). Terminologicamente affine, ma teoricamente diversa, è la scissione dell'Io in lo «libidico» e lo «sabotatore» ipotizzata da W. R. D. Fairbaim come conseguenza della scissione dell'oggetto (v. SCHIZOFRENIA ).

 
BIBLIOGRAFIA.
 

AMERICAN PSYCHIATRIC ASSOCIAllON, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-III-R), Masson, Milano, 1988.

BINET A., Les altérations de la personnalité, Paris, 1891. BLEULER E., Dementia praecox oder Gruppe der Schizophrenien, in ASCHAFFENBURG G., Handbuch der Psychiatrie, Deuticke, Leipzig, 1911.

FAIRBAIRN W. R. D., Studi psicoanalitici sulla personalità (1946), Boringhieri, Torino, 1970.

FREUD S., Le neuropsicosi da difesa (1894), in Opere, Bo- ringhieri, Torino, 1968, vol. Il.

FREUD S., La scissione dell'Io nel processo di difesa (1938 a), in Opere, cit., 1979, vol. XI.

FREUD S., Compendio di psicoanalisi (1938 b), in Opere, cit., 1979, vol. XI.

JANET P., La force et la faiblesse psychologiques, Maloine, Paris, 1930.

JASPERS K., Psicopatologia generale (1913-1959), Il Pen- siero Scientifico, Roma, 1964.

JERVIS G., Manuale critico di psichiatria, Feltrinelli, Mi- lano, 1975.

JUNG C. G., Critica a Bleuler, «Teoria del negativismo schi- zofrenico» (1911), in Opere, Boringhieri, Torino, 1971, vol. 111.

JUNG C. G., Psicogenesi della schizofrenia (1939), in Opere, cit., 1971, vol. 111.

KLEIN M., Scritti 1921-1958, Boringhieri, Torino, 1978. LACAN J., Scritti (1966), Einaudi, Torino, 1974.

LAING R. D., L'io diviso (1959), Einaudi, Torino, 1969.

 
< Prec.   Pros. >
I testi e i materiali pubblicati, o comunque messi a disposizione su questo sito, sono utilizzabili dietro citazione della fonte, secondo la Licenza Creative Commons "Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo" e salvi i diritti esclusivi spettanti a terzi ai sensi di legge. Chiunque lamenti violazioni di diritti esclusivi o altri abusi può chiederne la rimozione dal sito scrivendo al WEBMaster dalla sezione CONTATTI, indicandone la motivazione. Oppure mailto:educaweb(at)altervista (dot)org
qdroid
Covo dei Briganti, non è il solito agriturismo! - Si trova nella Tuscia, un angolo di Lazio tra la Toscana e l'Umbria. Puoi mangiare alla Cantina del Mago e rimarrai stupito!
Sostieni il sito!

Enter Amount:

Frase del giorno
PHOTOS
© 2017 EDUCAWEB: spazio virtuale di incontro sociosanitario ed educativo