EDUCAWEB: spazio virtuale di incontro sociosanitario ed educativo

giovedì 19 ottobre 2017

giovedì 19 ottobre 2017
Home
Notizie
LINKS
Mappa del sito
Tutti i contenuti
Cerca
Licenza Joomla
Psichiatria
Educativo
Guest Book
Download Files
Calendario e Appuntamenti
Libri e pubblicazioni
Meteo
NEWS Salute
Disclaimer medico




by Zippy
Advertising - Pubblicità
Joseph Beuys PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   

Ogni uomo é un’artista”  Joseph Beuys, scultore.

Joseph Beuys
Joseph Beuys
Joseph Beuys nasce a Krefeld nel 1921 e Muore a Düsseldorf nel 1986.

Opere. Beuys non ha mai scritto nessun libro, ma esistono testimonianze in alcune raccolte dei suoi discorsi.  Nel 1931 frequenta la Hindenburg-Oberschule di Kleve. L'interesse si indirizza più verso materie scientifiche che umanistiche. Entra a far parte della Hitler-Jugend, con la quale partecipa ad una grande marcia a Norimberga e ad un rogo di libri vietati nel cortile della scuola.

Nel 1940 è arruolato nell'aviazione, dapprima come operatore radio, quindi come pilota di caccia. Nel 1943 in Crimea l'aereo viene abbattuto e Beuys subisce gravi ferite. Di nuovo in azione nel 1944, viene fatto prigioniero dagli Inglesi e liberato nel '45.  Tra il 1955 e il 1956 cade in una profonda crisi personale, dovuta in larga parte all'esperienza della guerra e alle ferite subite. In questi anni viene assistito dagli amici Hans e Franz van der Grinten. Superata la crisi, nel 1958 lavora al monumento commemorativo dei caduti in guerra a Brüderich. Nel 1959 sposa Eva Wurmbach. Nel 1961 ottiene l'incarico di insegnante di scultura monumentale all’accademia dell’arte di Düsseldorf.  Entra in rapporto con George Maciunas e Nam June Paik, con i quali prende parte ai primi Events (eventi) di Fluxus a Copenhagen, Londra e Wiesbaden. Nel 1963 è tra i principali organizzatori di Festum Fluxorum Fluxus, tenutosi presso la accademia dell’arte di Düsseldorf. Negli stessi anni Joseph Beuys inizia ad impiegare materiali come il feltro e il grasso, che entrano in oggetti-sculture-installazioni, concepibili come il risultato finale di operazioni artistiche volte a generare consapevolezza critica nel pubblico.  Nel 1964 hanno luogo le prime "Aktionen" (Azioni): Der Chef, Das Schweigen Marcel Duchamps wird überwertet. Ad esse seguiranno...und in uns...unter uns ...landunter e Wie man einem toten Hasen Bilder erklärt nel 1965, Eurasia e...mit Braunkreuz nel 1966, Manresa, Hauptstrom, Der Stahltisch/Handaktion a Düsseldorf ed Iphigenie/Titus Andronicus nel '69, I like America and America likes me a New York nel 1974.

Nel 1972 Beuys viene licenziato dall’accademia dell’arte per aver ammesso ai corsi anche gli studenti che non avevano superato le prove di ammissione. Fonda allora la "Freie internationale Hochschule für Kreativität und interdisziplinäre Forschung" (1973). Con essa nel 1977 prende parte a Documenta 6, dove presenta la Aktion Honigpumpe am Arbeitsplatz.  Nel 1982, per diffondere la sensibilità ecologica tra la gente nacque una delle sue opere più interessanti: «7000 querce», con questa opera, Beuys propose, alla amministrazione di Kassel di piantare 7000 alberi nella piazza centrale della città. Il cuore di Kassel sarebbe diventato, nei sogni di Beuys, una gigantesca scultura viva e in continua crescita, garantendo alla cittadinanza un polmone verde che avrebbe difeso la città dagli attentati del progresso. Muore a Düsseldorf nel 1986 

La concezione filosofico-antropologica di Joseph Beuys

Verso la metà degli anni '60 Beuys perviene ad una personale con­cezione dell'essere umano.  L'uomo è il custode di un'energia in grado di modificare il mondo: in senso morale, sociale, civile, estetico, ecologico, ecc. Segno tangibile di ciò è la sua capacità di modificare gli oggetti, i materiali più poveri ed amorfi, sprigio­nando­ne l'energia in essi stessi inclusa. Motore fondamentale di tale processo è la "creatività".

La creatività è l'attributo attraverso cui si estrinseca l'energia insita nel­l'uomo, energia in grado di arricchire ogni oggetto, ogni atto, ogni momento della vita quotidiana. Questo processo di arricchimento è l'essenza dell'atto artistico. Ecco perciò fondersi i concetti di "uomo artistico" e "uomo creativo".  Ecco anche spalancarsi la possibilità che ogni atto quotidiano, se svolto sotto la forza della creatività, possa diventare esso stesso atto artistico.

Dal convincimento che in ognuno esista tale energia e che ad ognuno sia data la possibilità di sprigionarla e di operare creativamente deriva il messaggio di uguaglianza e di libertà di Beuys. L'uomo libero è l'uomo che agisce crea­tivamente. Ogni uomo libero è un artista! La "Soziale Plastik" di Beuys, consiste proprio in ciò, nell'intima relazione tra libertà dell'uomo, la sua cre­atività e la capacità attraverso di essa di valorizzare ogni atto quotidiano promuovendolo ad atto artistico. A differenza di altri esponenti dell'arte azionista, l'equazione Arte=Vita in Beuys non consiste pertanto nell'accesso del "quotidiano" al recinto della comunicazione artistica, bensì nel suo opposto, nel dominio dell'arte sul "quotidiano": l'uomo creativo è artista ed esprime il proprio ruolo artistico nel "quotidiano".  Beuys coniuga il suo amore mistico per gli animali con l'impegno politico ecologista.  Come primo passaggio dalla morte alla vita Beuys guarderà a lungo, scegliendo di lavorare con grasso animale e feltro, i materiali organici che gli avevano restituito la vita e che di lì in poi avrebbe impiegato nelle sue provocazioni a dimostrare come arte e vita siano, in realtà, indistinguibili. 'Tutti sono ‘artisti', 'ognuno è un artista' insegnava infatti Beuys durante la sua collaborazione con l'Accademia di Belle Arti a Düsseldorf, suggerendo che esattamente come la vita, l'arte è fatta di azioni.

L'arte di Beuys, dunque, voleva essere viva e fatta con materiali vivi, come alberi e animali.  Sceglie sempre animali 'sociali', che vivono in comunità estremamente organizzate, e in quanto tali capaci di stimolare riflessioni sulla condizione umana.

Influenze

Si dice che l'esperienza artistica di Joseph Beuys, sia iniziata dopo l’incidente di guerra subito durante la guerra, egli trasse da questo avvenimento,  motivi di ispirazione che lo hanno accompagnato lungo tutta la sua attività artistica, attività condotta lungo un misterioso filo di rinascita spirituale per giungere all’armonia finale dell’uomo con se stesso e con la natura. Nell’incidente venne soccorso dagli abitanti della regione, che li salvarono la vita avvolgendogli il corpo con grasso e feltro, due materiali che poi, nella sua arte, si caricheranno di significato. Questo sentimento di ecologismo molto spiritualizzato hanno portato gran parte della critica a definire Beuys lo "sciamano dell’arte".  La nascita dell'interesse di Beuys nei confronti della scultura invece risale alla fine degli anni '30, quando vede alcune riproduzioni di sculture di Wilhelm Lehmbruck.  L’opera di Beuys, fatta soprattutto di azioni concettuali e di happening, lo resero famoso soprattutto negli Stati Uniti, dove trovò tra l’altro l’amicizia e la stima di Andy Warhol. Il confronto tra i due artisti rimane una chiave importante per comprendere la base ideologica che attraversa l’arte del secondo dopoguerra, e per meglio capire le differenze che in questo periodo intercorrono tra arte americana e arte europea. Mentre la Pop Art statunitense conserva uno spirito ottimistico con alla base le chiavi del successo americano (ricchezza, consumismo, crescita, espansione continua, ecc.) il Concettuale europeo, impersonato soprattutto da Beuys, ha un rapporto più problematico e complesso con la crisi di coscienza che sempre accompagna l’intellettuale europeo. Crisi che deriva dal peso di una tradizione ingombrante, fatta sia di luci sia di ombre, a differenza degli americani che non hanno passato, e quindi nessun errore da dover rimediare.

Beuys è l’espressione più radicale dell’intellettuale europeo che cerca di rinascere da un passato ingombrante. E lo fa con i tratti, appunto, dello sciamanesimo: una sapienza antichissima costruita non sui rapporti di forza tra gli uomini, ma sul rapporto costante e profondo con la natura

 

Associazioni, riviste, siti WEB

Presso la fondazione del Museo “Schloss Moyland Sammlung van  der Grinten si trova un archivio riguardante Joseph Beuys. Si trovano circa 100.000 documenti sulla vita, le opere e l’operato dell’artista.

Siti Internet

http://www.artcyclopedia.com/artists/beuys_joseph.html<!--[if !supportNestedAnchors]--><!--[endif]-->

http://www.oltremagazine.com/n9/inserto3.htm

http://www.artdreamguide.com/adg/_arti/_b/_beuys/arti.htm

http://www.beuys.de/

Alcuni musei che espongono le opere di J. Beuys

Kunstmuseum Basel

Museum of Modern Art, New York

Fine Arts Museums of San Francisco

Guggenheim Museum, Bilbao

Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam

Staatsgalerie Stuttgart 

Glossario

Aktionen (azioni)= Esse sono per  Joseph Beuys operazioni artististiche che consistono in interventi in "diretta" su aspetti particolari della realtà. Nel corso di tali interventi l'autore imprime modificazioni, sconvolge le normali relazioni che caratterizzano gli oggetti, i materiali implicati, con lo scopo di sviluppare l'energia insita al loro interno. L'intervento è accompagnato da spiegazioni, discussioni, che coinvolgono il pubblico.

Teatro delle Aktionen può essere qualsiasi luogo in cui sia possibile sviluppare la massima energia, produrre il massimo stimolo alla creatività: l'accademia, l'università, il museo, la strada.

Installationen (istallazioni): sono ricreazioni / ambienti  ideati da Beuys come scenario/ teatro per alcune delle sue Aktionen (vedi  7000 querce)

Objekte (oggetti): .Sorta di reliquie, relitti, tracce, in molti casi repellenti, rappresentano le testimonianze formali del processo mentale e creativo che ispira le Aktionen. Oggi se ne trovano esposti in molti musei del mondo, collocati all'interno di bacheche ("Vitrinen"), alla stregua di reperti geologici o naturalistici

 
< Prec.   Pros. >
I testi e i materiali pubblicati, o comunque messi a disposizione su questo sito, sono utilizzabili dietro citazione della fonte, secondo la Licenza Creative Commons "Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo" e salvi i diritti esclusivi spettanti a terzi ai sensi di legge. Chiunque lamenti violazioni di diritti esclusivi o altri abusi può chiederne la rimozione dal sito scrivendo al WEBMaster dalla sezione CONTATTI, indicandone la motivazione. Oppure mailto:educaweb(at)altervista (dot)org
qdroid
Covo dei Briganti, non è il solito agriturismo! - Si trova nella Tuscia, un angolo di Lazio tra la Toscana e l'Umbria. Puoi mangiare alla Cantina del Mago e rimarrai stupito!
Sostieni il sito!

Enter Amount:

Frase del giorno
PHOTOS
© 2017 EDUCAWEB: spazio virtuale di incontro sociosanitario ed educativo